top of page

Spesso a Spasso

  • FugainFamiglia

Parco Archeologico di Tremona



Parco archeologico di Tremona


Un bel mercoledì pomeriggio di fine gennaio decidiamo di sfruttare il pomeriggio di riposo scolastico per fare due passi. Prima che la neve (ri)facesse capolino anche alle nostre latitudini, ci siamo recati a Tremona per visitare il suo parco archeologico. Per chi giunge in autostrada, uscire a Mendrisio e proseguire in direzione Arzo fino a Besazio e poi Tremona. Non eravamo mai stati, ma avendo la fortuna di avere una nonna discretamente tecnologica ma estremamente curiosa, questa mattina ha estratto dal suo cappello magico questa gita nel Mendrisiotto.


La risalita al parco archeologico



Arrivati a Tremona scopriamo subito che ci sono diversi posteggi nelle vicinanze della partenza della nostra camminata e questo ci fa molto piacere. Nonostante il freddo pungente ci siamo imbacuccati per bene e siamo partiti alla scoperta di questo luogo a noi ancora sconosciuto. Nella parte inziale si attraversa il paese e le sue viuzze, poi si entra in un bosco. Ci siamo divertiti a ritrovare sassi con forme strane, i primi fiori che iniziavano a spuntare dal terreno e alberi che nei loro tronchi celavano volti di piccoli gnomi (in questo c’è lo zampino della nonna…!)! I bambini erano molto felici di poter correre in totale libertà! Si tratta di una passeggiata tranquilla, circa 15 minuti in leggera salita, adatta a tutti ma non indicata per i passeggini.


L’insediamento Medievale



Una volta arrivati sulla sommità della collina ci si ritrova attorniati da meravigliosi resti di un insediamento medievale, il tutto corredato da pannelli esplicativi, e si può godere di un panorama mozzafiato a perdita d’occhio fino a Milano. Purtroppo faceva freddo, quindi non ci siamo fermati a lungo. Un’idea in più per proiettarsi direttamente nel Medioevo è quella di noleggiare gli occhiali 3D, disponibili in esclusiva presso l’infopoint a Tremona.: indossandoli si può vivere un’esperienza di realtà aumentata davvero eccezionale!






Si torna!


Decidiamo quindi di rientrare, anche perché scorgiamo i primi fiocchi di neve fare capolino improvvisamente dal cielo grigio…

Ritornati ai posteggi troviamo un bel parco giochi provvisto di bibliocabina, dove i bambini possono divertirsi giocando e curiosare tra i libri offerti. I miei bimbi, amanti dei libri, ovviamente non sono andati a casa a mani vuote!

Per chi volesse esagerare c’è la possibilità nelle immediate vicinanze di visitare il Museo dei Fossili del Monte San Giorgio e le cave di Arzo, raggiungibili entrambi anche a piedi. Ma questa sarà un’altra avventura, rimandata a giorni più caldi!




Logo_edited.jpg
bottom of page